Creativi Culturali News

Nuove Persone, nuovo Pensiero, nuova Cultura, nuove Soluzioni

La scuola consapevole: realtà in transizione

leave a comment »

La Transizione va a scuola: l’esperienza dell’Istituto Teodoro Gaza di San Giovanni a Piro
Articolo di Dario Tamburrano
Segnalato da Luca Bordoli

A San Giovanni a Piro, l’Istituto scolastico comprensivo Teodoro Gaza, è la prima scuola in Italia ad aver approvato un Piano dell’Offerta Formativa ispirato alla transizione con l’obiettivo di formare cittadini resilenti. Sono stati inseriti ufficialmente nella programmazione didattica i principi permaculturali e i modelli necessari per affrontare il futuro di una civiltà Post Carbon.

Se il comune italiano di Monteveglio, nel 2009, è stato il primo ad adottare una Delibera Ufficiale sul picco del petrolio, nel comune di San Giovanni a Piro1, l’Istituto Comprensivo Teodoro Gaza2 (scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di I grado), nel corso del 2010, è stato la prima scuola d’Italia a essersi interessata ufficialmente e in maniera approfondita di picco del petrolio e di resilienza della comunità locale. L’Istituto è già da tempo particolarmente attento all’ecodidattica, ai principi dello Zero Waste (Rifiuti Zero) e al suo interno sono presenti da alcuni anni un orto sinergico e laboratori didattici di autoproduzione, riparazione e recupero delle conoscenze tradizionali locali.

Il processo di transizione ha preso il via a fine giugno 2010 all’interno del seminario Il ruolo della scuola nella costruzione del progetto di vita e di una comunità sociale, con l’ingresso nella biblioteca scolastica del Manuale pratico della transizione e delle prime bozze tradotte di Post Carbon Cities3, testi e risorse che hanno ispirato inizialmente la Preside Maria De Biase4. Un successivo incontro (Transition Talk) organizzato da Transition Italia, al quale hanno partecipato tutto il corpo insegnante e i collaboratori scolastici, e il positivo dibattito che ne è seguito, hanno permesso la stesura del nuovo Piano dell’Offerta Formativa5 (POF).

2010-2013 a cura del professore Aniello Mautone6. Il POF è un atto pubblico (e ufficiale) dell’Istituto, del quale quella che segue è una sintesi, ottenuta estraendone i passaggi più significativi:

— Di fronte ai cambiamenti e alle sfide globali che cambieranno radicalmente il mondo in cui vivranno i nostri figli e i nostri nipoti, la scuola ha il dovere di fare tutto ciò che è possibile perché i cambiamenti siano governati e non subiti.

— Le iniziative e le attività del POF prendono il via dalle strategie elaborate dal Movimento delle Città di Transizione per affrontare i problemi del picco del petrolio e del riscaldamento globale a livello di comunità, e dai suggerimenti del Post Carbon Institute su come affrontare detti problemi.

— I progetti di Transizione mirano a creare comunità libere dalla dipendenza dal petrolio e fortemente resilienti attraverso la ripianificazione energetica e la rilocalizzazione delle risorse di base della comunità (produzione del cibo, dei beni e dei servizi fondamentali). Prevedono processi governati dal basso e la costruzione di una rete sociale e solidale molto forte tra gli abitanti delle comunità. La dimensione locale non preclude però l’esistenza di altri livelli di relazione, scambio e mercato regionale, nazionale, internazionale e globale.

— La volontà del POF è quella di far nascere a San Giovanni a Piro, con la spinta della scuola, l’aiuto del Comune, delle associazioni e di quanti operano a vario titolo sul territorio, un grande esperimento di riprogettazione progressiva del paese con l’obiettivo di adattarsi e cogliere le opportunità di uno scenario in cui le risorse naturali ed energetiche saranno meno disponibili, dando al contempo il concreto contributo alla riduzione delle emissioni di gas serra.

L’orto sinergico didattico 

— L’idea dell’Istituto Comprensivo di San Giovanni a Piro di creare un orto sinergico per ogni plesso, che dia frutta di stagione e ortaggi alle rispettive mense, si ricollega al filone della Permacultura (coltura permanente, equilibrata ed inesauribile, non consumistica) e alle ricerche relativamente recenti sull’impoverimento del suolo a causa dell’abuso-uso agricolo meccanico-chimico da parte dell’uomo.

— I principi per la progettazione della civiltà di transizione sono:
• Lavorare con e non contro
• Tutto influenza tutto
• Riflettere prima di agire e fare il minimo cambiamento per ottenere il massimo risultato
• Gli errori sono occasioni per imparare
• Ogni elemento in un sistema naturale svolge almeno 3 funzioni
• Ogni funzione deve essere supportata da più di un elemento
• Il tutto è più della somma delle parti
• Ogni problema contiene in sé la soluzione: trasforma i limiti in opportunità
• Favorire la biodiversità: agire in modo da aumentare le relazioni fra gli elementi piuttosto che il numero di elementi ed accelerare i processi trasformativi.
• Minimizzare l’apporto di energia esterna, progettando sistemi che sfruttano le risorse presenti in loco, riciclare e riutilizzare il più possibile
• Pianificare gli sviluppi futuri

— I principi etici delle comunità di transizione che si intendono adottare sono:
• Prendersi cura della terra
• Avere cura dell
e persone
• Limitare il nostro consumo alle nostre necessità per condividere in maniera equa e solidale le risorse della Terra

— In particolare il P OF intende portare all’attenzione della comunità scolastica e civile sangiovannese le conseguenze dell’utilizzo del petrolio e dei combustibili fossili per affrontare le peculiarità di un Piano di Decrescita Energetica che renda San Giovanni a Piro un comune Post Carbon.

— Nonostante la criticità del momento, nelle trasformazioni che verranno risiedono grandi opportunità da cogliere per migliorare la qualità della vita di tutti i nostri cittadini; l’attuazione di un percorso formativo e istituzionale partecipato che preveda il coinvolgimento diretto dei cittadini, partendo dalla scuola e dagli alunni; la promozione dell’efficienza energetica degli edifici, attraverso lo studio di nuove tecniche costruttive (case di paglia, impianti fotovoltaici e solari, termici); la promozione presso la cittadinanza della consapevolezza dei limiti di un’idea di sviluppo basata su risorse illimitate e della necessità di riconvertire un’economia basata sui combustibili fossili e ad alto consumo di risorse non rinnovabili; l’adozione di stili di vita sobri e sostenibili; l’incentivazione di politiche di rispetto del territorio e della natura come strumento di compensazione delle emissioni di CO2.

Tratto da: transitionitalia

Annunci

Written by enricolistico

15/02/2011 a 10:32

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: